Il Festival… Alla maniera di John Fante

ChiediAllaPolvereChiedi alla polvere.
Chiedi come sia potuta nascere la stravagante idea di sovvertire l’ordine costituito. Quel signore pieno di regole  e di comportamenti, che elargisce a prezzi di mercato.  Metodi, canoni, precetti e insegnamenti .

Chiedi alla polvere della strada.
Chiedi delle Biblioteche di Milano. Chiesa Rossa, Tibaldi, San Cristoforo, Braidense, Porta Venezia,  Dergano, Gallaratese …
Chiedi delle piccole librerie. Chiedi dei bar e delle osterie. Chiedi dei cortili e delle piazzette. Chiedi  dei parchi e delle birrerie. Chiedi dei circoli e le associazioni. Dei poeti, dei lunatici e dei narratori.
Chiedi  dei teatranti, dei volontari, dei musicisti.
Dei carcerati, dei ballerini, degli attori.
Dei senzatetto e degli editori.
Chiedi della gente. Comune, come  tutti noi, e di quella follia urgente,  collettiva, che decise di uscire per strada a proclamare che la cultura fosse patrimonio di tutti quanti, “che è come dire che la terra è di tutti e non di uno solo/ che il sole non è di uno/ che l’amore è di tutti e di nessuno/come l’aria/ e la morte è di tutti/ e la vita non ha padrone conosciuto. “*
Quella polvere che si solleva in aria, al primo soffio del vento.  Creando forme che nessuno potrà mai scopiazzare, perché sono ogni volta uniche e irripetibili, diverse da ogni altra, uguali a tutti noi.
Chiedi di cinque giorni a Giugno e di un anno che ci vide lavorare (sognare, delirare) per qualcosa nella quale credevamo – avvolti, coinvolti, stravolti – nella quale continuiamo a credere, più decisi che mai.

Chiedi dei santi in paradiso, degli industriali e dei politicanti.
Ti diranno che non si sono visti.
Parlano un’altra lingua, sentono con altri accenti, spalancano gli occhi quando si sentono nominare.
Poi chiudono accuratamente le imposte, in modo che la polvere non si intrufoli tra i faldoni ordinati delle cose che contano.

Chiedi alla polvere, a Junipero Serra, ad Arturo Baldini, al cane poliziotto chiamato Pancho, a Camilla Lopez ( che qualcuno ha intravvisto ai confini del deserto del Mojave), al barista del Liberty Bufflet…
Chiedi a John fante, lo troverai  da qualche parte, in queste strade.
Chiedigli del Festival della Letteratura di Milano.
Ti dirà che riprende  il 5 Giugno, che non hai smesso di cominciare.

Forse ti verrà voglia di prenderne parte.
Oppure di sentirne parlare.
Questa è pressappoco la storia, che non vediamo l’ora di raccontare.

Milton Fernàndez

http://www.festivaletteraturamilano.it/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...