Di terra in aria: Adriano D’Aloia racconta il Salento con un linguaggio inedito

Adriano D'aloia

Adriano D’Aloia è un milanese legato al Salento per parte materna, un legame di sangue che affonda le sue radici in una terra profondamente diversa rispetto a quella in cui l’autore vive ed è cresciuto. Sono proprio questi elementi la materia prima usata nelle sue poesie per raccontare questa connessione: le radici, quelle degli alberi di ulivo ; la terra, quella verso cui i contadini hanno un legame indissolubile; il sangue, quello vivo e frenetico dei tarantati e la distanza, quella tra il nord e il sud dello stesso paese. Elementi usati molte volte per parlare del Salento, ma presentati in questo caso con una forma nuova, con un linguaggio inedito, il linguaggio di chi ha osservato un po’ in disparte,  nascosto dietro le tende di una finestra socchiusa, un mondo che gli è vicino ma che forse non gli appartiene del tutto. La voce “forestiera” di chi però non è straniero ma riesce ad essere distaccato, di chi vede come osservatore neutrale e racconta in maniera diversa, con parole nuove, una terra antica, la sua gente e suoi miti.

Fornace

Ascoltando D’Aloia, accompagnato dalle sonorità delle musiche di Urkuma, da salentina nata e cresciuta in Salento, ma per metà “straniera” per parte paterna, ho scoperto un modo differente di far coesistere queste due anime nella stessa persona.  Sono rimasta profondamente affascinata dalla capacità di questo poeta  di raccontare in maniera del tutto inaspettata cose a me molto familiari e dalla straordinaria bellezza delle sue poesie asciutte e dirette.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...