“La Versione di Neil” al Teatro di Ringhiera

Il Festival della Letteratura di Milano 2013 ce ne aveva regalato un piccolo, intenso assaggio, ma ora possiamo godercelo tutto per intero: il 4 e il 5 ottobre 2013, alle ore 21, presso il Teatro di Ringhiera di via Boifava 17 a Milano, andrà in scena la prima nazionale dello spettacolo teatrale La versione di Neil (Una vita con i Beatles), scritto da Davide Verazzani, interpretato da Dario Sansalone per la regia di Amedeo Romeo.

La Versione di Neil

Neil, ovvero Neil Aspinall (13 ottobre 1941 – 24 marzo 2008), è l’unica persona che è stata a fianco ai Beatles per tutta la durata della loro carriera, dai duri momenti della gavetta fino allo scioglimento del quartetto nel 1970. Dapprima road manager, poi assistente personale della band, Neil ha avuto il privilegio di vivere personalmente tutte le fasi della creatività dei Fab Four, sul palco, dietro le quinte e in sala di registrazione.

Attraverso un monologo serrato e pieno di musica, Neil (interpretato da Dario Sansalone) fa i conti con il suo passato straordinario, raccontando gli anni in cui la sua vita, insieme a quella di milioni di persone in tutto il mondo, è cambiata grazie alle note di quattro giovanissimi ragazzi di Liverpool. Tra aneddoti personali e incontri straordinari, il ricordo attraversa alcuni momenti della storia del quartetto, per soffermarsi sulla notte in cui venne registrata A Day in the Life, il brano che chiude il loro album più celebre, Sgt Pepper’s Lonely Hearts Club Band.

Neil Aspinall con i Beatles

Neil Aspinall con i Beatles

Un modo per omaggiare una band che ha influito in modo decisivo nella storia del costume, oltre che della musica popolare, ma anche un esempio di come fare pace con i fantasmi della gioventù che ci tormentano quando l’età avanza.

«Ho scoperto i Beatles quando avevo 14 anni – dice l’autore Davide Verazzani – e da allora sono la colonna sonora della mia esistenza. Non potevo non scrivere un testo su di loro. Hanno reso felici milioni di persone, oltre me, e continuano a farlo perché la loro musica è immortale e la loro storia dimostra che chi ha talento e tenacia ce la può fare, se ci crede davvero».

Costruito con continui rimandi fra un presente in cui Neil, ormai anziano, ricorda gli anni della gioventù, e gli anni 60 in cui si dipana la vicenda artistica e umana dei Beatles vissuta in prima persona, lo spettacolo si avvale dell’interpretazione asciutta e precisa dell’attore Dario Sansalone (Accademia Filodrammatici) e della regia attenta e immaginifica di Amedeo Romeo (Teatro della Tosse, Linguaggi Creativi).

Sansalone-Romeo-Verazzani

Sansalone-Romeo-Verazzani

Le canzoni sono parte integrante e fondamentale dello spettacolo. A partire da Lonnie Donegan e Bill Fury (star liverpooliane dei tardi fifties), passando attraverso alcuni brani, celebri e non, dei Beatles come Please Please Me, I Want to Hold Your Hand, Tomorrow Never Knows, Sgt Pepper’s, Within you Without you, fino al crescendo finale di A Day in the Life, per concludere con Golden Slumbers, ninna nanna che idealmente chiude un cerchio e ne apre un altro, infinito.

La versione di Neil (Una vita con i Beatles)
Uno spettacolo scritto da Davide Verazzani
Regia di Amedeo Romeo
Con Dario Sansalone – Regia di Amedeo Romeo

4 e 5 ottobre 2013 – ore 21.00
Teatro di Ringhiera
via Boifava 17 – Milano

Biglietto: €12 in prevendita – €15 la sera dello spettacolo

Prevendita:
– partecipando all’evento su Facebook
– mail a laversionedineil@gmail.com
– online sul sito www.laversionedineil.eventbrite.it

Infoline: laversionedineil@gmail.com
Facebook: www.facebook.com/LaVersioneDiNeil
Twitter: @VersioneDiNeil

Annunci

La festa di chiusura

Nonostante la pioggia e il freddo, ci siamo ritrovati in tanti per la festa di chiusura alla biblioteca Chiesa Rossa: ci siamo incontrati e salutati, abbiamo parlato delle diverse esperienze, abbiamo mangiato e bevuto insieme e ci siamo dati appuntamento al prossimo anno.
I nostri volti sorridenti raccontano di quanto siamo orgogliosi di questa seconda edizione… e, state tranquilli, abbiamo già steso l’elenco degli errori e di quanto possiamo migliorare.
Grazie a tutti!

Grande successo per Il Pubblico Narratore

7 giugno 2013. Chi segue le iniziative del FestivaLetteratura Milano conosce già “Il pubblico narratore“, una manifestazione che ha avuto ciqnue incontri di narrazione condivisa nell’arco dell’inverno 2013. In occasione della seconda edizione del Festival si è voluto inserire una serata speciale, dedicata a Le città invisibili di Italo Calvino: come per gli appuntamenti precedenti scrittori e narratori noti e meno noti sono stati invitati a scrivere racconti su alcuni temi proposti traendo spunto dall’opera cui la serata era dedicata. Tra i racconti pervenuti ne sono stati scelti alcuni per la lettura in pubblico; lettura che consiste nell’alternare brani tratti dall’opera a  brani tratti dai racconti selezionati, senza interruzioni, creando così una nuova narrazione.
“Sono molto soddsfatto per questa serata, sia per la quantità dei racconti pervenuti sia per la qualità elevata degli scritti” queste le parole introduttive di Cristiano Abbadessa che ha organizzato e coordinato la serata per il FestivaLetteraturaMilano. “Anche la partecipazione del pubblico così numeroso e il fatto che alcuni dei narratori di oggi provengano dal pubblico delle serate precedenti, mi fa concludere che l’iniziativa de Il Pubblico Narratore, nata da un’idea del tutto nuova, aveva ragio d’essere. Le persone desiderano raccontare e ascoltare, ma soprattutto confrontarsi e partecipare”.
Maggior soddisfazione – e una certa dose di rivincita – gli ideatori e sotenitori di questa “sfida” possono trarla dalle parole del rappresentante del Consiglio di Zona 6 che ha patrocinato l’evento e concesso lo spazio: “Se devo dire la verità, quando queste persone del FestivaLetteratura sono venute a chiederci lo spazio per 5 serate ero molto scettico, non credevo che sarebbero riusciti ad avere i meteriali sufficienti per organizzare le letture, né tantomeno un buon successo di pubblico. Sono felice di poter dire, oggi, che mi sono sbagliato!”.
Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato come narratori, lettori e come pubblico. Un ringraziamento particolare va all’attrice Elisabetta Cesone che, sposando appieno lo spirito del Festival, ci ha voluto regalare la sua splendida professionalità leggendo i brani tratti da Calvino.

Tutti i racconti selezionati per Il Pubblico Narratore sono pubblicati sul sito del FestivaLetteraturaMilano.

Anna Chiello

Chiudo in bellezza il mio festival 2013: Alessandro Ducoli

comp 1

Nell’ultimo evento del mio ultimo giorno come volontaria alla fornace,  il festival mi ha fatto il secondo regalo inatteso di questa edizione: Alessandro Ducoli.

pubblico

Parlo di regalo perché senza il festival non sarebbe stato altrettanto facile per me conoscere questo cantautore di grande talento. Le ragioni per le quali Ducoli, pur essendo un artista molto importante del panorama musicale del territorio, non è universalmente noto tanto quanto altri famosi cantautori italiani, mi sono onestamente sconosciute. Credo che le motivazioni possano forse risiedere in quelle logiche di mercato che neanche so perché vengano definite logiche visto che appartengono alla sfera del non-senso. Ma non è per polemizzare che voglio scrivervi, è invece per raccontarvi il mio incontro con Ducoli e l’emozione di averlo sentito cantare per un fortunatissimo gruppetto di persone rimaste incantate.

pepiDuc

Ho contattato Alessandro Ducoli per la prima volta qualche settimana fa per iniziare a prendere accordi per il festival, avevo semplicemente il titolo dell’evento “Brumantica” e la sua mail “baccoilmatto@qualcosa…”, Bacco il matto? Mi sta già simpatico!

Ducoli out

Bacco il matto in realtà è uno pseudonimo usato qualche anno fa, durante la collaborazione con il chitarrista Nicola Bonetti. E non è neanche l’unico pseudonimo usato da Ducoli, lo troverete anche sotto il nome di Cletus Cobb, in versione folk-rock con la band Lupita’s project, ancora in gruppo con la Band del Ducoli e poi di nuovo solista come cantautore, jazzista e tanto altro. Insomma un’anima camaleontica assecondata da una voce altrettanto trasformista, in grado di passare dalla ruvidezza del rock alla dolcezza delle parole sussurrate sulle note di un piano.

pepita & ducoli

il Ducoli lo vado a prendere a Famagosta, perché si da il caso che questa domenica sia una domenica a piedi e lui e il suo pianista, Valerio Gaffurini, che arrivano da fuori con tastiera al seguito, hanno bisogno di un permesso per la loro auto. Appuntamento alle 15. Esco dalla metro a famagosta, gli mando un messaggio “Io ci sono”, mi richiama subito “Signorina!!! Noi abbiamo almeno un’ora di ritardo, eh ieri abbiamo fatto una serata, abbiamo finito tardi, siamo nel traffico…non avevo il tuo numero per avvisarti!!”
Ahhahaha, lo sapevo, se uno che si chiama Bacco arriva puntuale mi delude!! Me ne torno in metro alla fornace, almeno mollo la macchina fotografica e le birre per la festa finale.

comp Vale

Alle 16.30 ritorno a famagosta e lo vedo spuntare dall’altro lato del parcheggio: un’omone alto, vestito di nero e con cappello scuro sotto cui nasconde il viso non esattamente fresco e sbarbato. Entriamo in macchina. Ducoli gentilmente mi cede il posto e siede dietro, schiacciato tra la tastiera, il mixer e il finestrino, e mi presenta a Valerio, in questo momento alla guida, successivamente al piano, e a Pepita, la sua dolcissima cagnolina. L’omone alto e nero tutto accartocciato nel sedile di dietro, con in braccio la sua micro-cagnolina. Fanno simpatia. Più o meno come questa macchina, che se non me l’avessero detto che era una macchina avrei faticato a capirlo da sola, c’è davvero di tutto dentro. Ma Ducoli mi spiega che si tratta di una filosofia ben precisa: una volta superato un certo livello di sporco, una macchina semplicemente non può diventare più sporca, è già il massimo dello sporco. Concordo. Questa di logica, non fa davvero neanche una piega. Ripartiamo verso la fornace.

Valerio penombra mod

In macchina non ci vogliono neanche 10 minuti, ma in quei 10 minuti,  non solo riesco a costringerli a usare il navigatore, ma gli faccio comunque sbagliare strada e li porto addirittura ad un tamponamento (a lieto fine!!). Arriviamo in fornace. Dopo le difficoltà dei permessi per la domenica a piedi, la frenesia dell’organizzazione, l’ansia da prestazione, i viaggi in metro, i dissuasori telecomandati, la pioggia a secchiate, Alessandro si siede con il microfono in mano, Pepita in braccio e inizia a cantare: la sua voce calda e intensa, i suoi testi originali, brillanti, le sue capacità di intrattenitore, i racconti legati alla nascita dei testi,  mi dimentico di tutto il resto. Mi sembra di essere a teatro. Ducoli racconta, canta e non c’è più niente da dire. La mia esperienza al festival di letteratura di Milano, non poteva concludersi in maniera più emozionante!
Daria.

BNucoli

La Letteratura al tempo di Twitter

La Letteratura attraverso Twitter, ovvero la possibilità di divulgare i contenuti delle opere letterarie in modo rapido, immediato e soprattutto sintetico.
Può un romanzo essere riassunto nei centoquaranta caratteri di un tweet? Sì, secondo Paolo Costa, Hassan Bogdan Pautàs e Pierluigi Vaccaneo, che portano avanti con determinazione il loro progetto di “twitteratura”, il cui scopo è affrontare temi complessi divertendosi.
Il loro è un progetto che nasce dal basso, frutto di una serie di esperimenti che ha suscitato l’interesse e l’attenzione del Festival della Letteratura: hanno cominciato twittando Raymond Queneau e sono poi passati a Cesare Pavese, di cui hanno riscritto a suon di tweet Dialoghi con Leucò e La Luna i falò.

 

IMG_4755 IMG_4756

Nella giornata conclusiva del Festival, presso l’ex Fornace, hanno presentato al pubblico milanese il loro esperimento su La luna e i falò, invitando le persone presenti in sala a cimentarsi nella “stesura” di un tweet ispirato alle prime, meravigliose pagine del romanzo. E hanno lanciato la loro prossima sfida, la riscrittura degli Scritti Corsari di Pier Paolo Pasolini, che partirà a giorni: siete tutti invitati a mettervi alla prova, e che vinca il cinguettio migliore.

 

Per ulteriori informazioni http://www.twitteratura.it

IMG_4759